(IN) Netweek

CORSICO

Fine girone di andata: é tempo di pagelle Dalla delusione Accademia Gaggiano alla sorpresa Romano Banco, e proviamo anche a fare delle previsioni

Share

A metà stagione è tempo di pagelle, come a scuola. Fine quadrimestre, si inizia a capire cosa sarà della fine del campionato, o forse no... Nella storia del calcio, ancor di più quello dilettantistico, si sono verificate le più grandi imprese ma anche le più grandi catastrofi, sportivamente parlando. C’è chi pensava di non arrivare nemmeno a metà classifica e a fine stagione si è vista ad alzare il trofeo più ambito da tutti. Oppure, il peggio, il contrario, quello che nessuno vuole nemmeno azzardare a pensare, dalla vetta di metà campionato fino alla caduta che non porta nemmeno al piazzamento in playoff. Il bello del calcio alla fine è questo. Che ci dicano che le statistiche contano, vero, che le difese migliori spesso e volentieri vincono, che la tattica conta molto più della tecnica, ma il calcio non è una scienza esatta. Forse ci si avvicina prima del fischio di inizio ma poi la bellezza è questa: episodi, errori, prodezze, sciocchezza, fantasia. Il calcio è arte e come tutte le arti non ha scienza, nemmeno coscienza. Nemmeno un po’, ed è il bello di questo sport. Dello sport più amato, più visto, più tifato e sentito al mondo. E non chiedetevi il perché, direi scontato, ma chiedetevi il come. Come? Attraverso gesta di giocatori che sono rimasti fissi nella testa delle persone che associano un giocatore a una giocata e una giocata al calcio stesso. Il tutto collegato a una sola parola, passione. Io, ad esempio, se penso al calcio penso al gol di Roberto Baggio, numero dieci sulle spalle e logo del Brescia sul cuore. Lancio di Andrea Pirlo, giovanissimo, visto che siamo al primo aprile del 2001, il Divin Codino, che nel frattempo è scivolato alle spalle della difesa della Juventus, aggancia e nello stesso momento scarta il portiere, Van der Sar, e appoggia in rete con il mancino. Semplicemente il genio. Semplicemente il calcio. Semplicemente amore. Semplicemente passione. Ma, torniamo al calcio dilettante e al nostro calcio, quello vero, quello vicino, quello della porta accanto. Ecco le pagelle delle nostre squadre:

ACCADEMIA GAGGIANO - ECCELLENZA - GIRONE A - VOTO 4

Doveva essere la squadra dell’anno, doveva essere una rosa competitiva per la corsa ai playoff. Sì, esatto, doveva. L’Accademia Gaggiano non è né carne né pesce. Un gruppo disunito, almeno in campo, che non riesce a soddisfare le richieste della dirigenza e, sicuramente, della tifoseria, molti delusa dalla posizione della squadra nel girone dell’Eccellenza. In 16 giornate solamente 11 punti, soltanto due vittorie. Pochissimo per le previsioni, per gli obiettivi, per tutto quello che c’è intorno all’Accademia Gaggiano. Adesso bisogna ripartire, guardando solamente avanti perché indietro è davvero un casino: 25 gol subiti e solo 15 fatti, meno di uno a partita. Guardare avanti, perché peggio di così c’è solo l’ultimo posto della classifica, adesso occupato dal Saronno, a soli tre punti. Ma uscire dalla zona calda dei playout non è difficilissimo, solo 5 punti e lì, in questo momento, c’è la Castellanzese. E l’Accademia Gaggiano non deve invidiare nulla alla squadra neroverde.

ASSAGO . PROMOZIONE - GIRONE F - VOTO 7,5

Una corsa che non deve finire, anzi che deve andare avanti. L’Assago si trova nella zona giusta, nella zona che si merita e nella zona che può permettergli di passare in Eccellenza. La tanto agognata Eccellenza. La squadra gialloblu è riuscita ad ammonticchiare 23 punti in 14 giornate e occupa la quarta posizione della classifica a 13 punti dal Varzi. Difficile riuscire a recuperare così tanti punti dal leader del girone ma l’obiettivo è passare ai playoff. E questa è la strada giusta. In 14 giornate l’Assago ha ottenuto 7 vittorie, realizzando 20 reti e subendone 16.

CORSICO - PRIMA CATEGORIA - GIRONE N - VOTO 5

Ci illudevamo che il Corsico potesse davvero ritornare. Il Corsico, quello vero. Ma non basta il colore granata per dare di nuovo splendore a una società che non è più quella di una volta. La delusione dei tifosi è palpabile e la squadra granata ha il dovere di rimboccarsi le maniche e fare meglio dei 16 punti in 15 giornate, con solo quattro vittorie all’attivo e 22 gol fatti. Lato positivo, se vogliamo, sono i 23 gol subiti che, considerata la posizione in classifica e le sette sconfitte, sono una buona notizia. La zona playout è molto stretta, ma per uscirne bastano solo quattro punti e per arrivare alla zona playoff mancano solo 8 punti. Si può fare per tornare a fare la storia.

ROMANO BANCO - PRIMA CATEGORIA - GIRONE N - VOTO 6.5

20 punti, 17 gol fatti e 27 subiti in 15 giornate. Numeri. La realtà, però, dice che il Romano Banco è a metà della classifica del girone e che è una squadra davvero difficile da battere. Un osso abbastanza duro per molte delle squadre che l’hanno affrontata, ma ciò nonostante sono solo, come detto, 20 i punti guadagnati fino a questo momento. L’obiettivo societario è mantenere questa lega senza retrocedere. Se i risultati dovessero essere più positivi, il Romano Banco non si tirerà indietro.

RED DEVILS CORSICO - SECONDA CATEGORIA - GIRONE S - VOTO 7

La neopromossa rossonera continua a sorprendere per dinamismo, voglia e anche delle ottime qualità individuali che possono davvero fare la differenza in Seconda Categoria. Sesta in campionato con 23 punti in 15 giornate con 32 gol, quarto attacco del campionato, e 25 subiti. La distanza dalla vetta è lontana, 14 punti, ma la corsa alla doppia promozione, questa volta in Prima Categoria, sarebbe un successo clamoroso per la squadra corsichese.

BUCCINASCO - SECONDA CATEGORIA - GIRONE S - VOTO 8

Difficile fare meglio di così. In pochi si sarebbero potuti immaginare questa posizione in classifica, la quarta, per il Buccinasco. Solida, perforante, precisa, dinamica e atletica. Una squadra che sta dimostrando di avere un grande gioco e un grande livello. 25 punti in 15 giornate con 29 gol fatti e 26 subiti. Una metà stagione davvero interessante, davvero promettente, davvero, potenzialmente, entusiasmante.

NEVADA - TERZA CATEGORIA - GIRONE C - VOTO 6

La nuova squadra di Buccinasco era arrivata pronta in griglia di partenza come una delle favorite alla vittoria finale e invece si trova a metà classifica a ciondolare con squadre che, a inizio stagione, sembravano molto più indietro sia dal punto di vista qualitativo sia dal punto di vista atletico e invece solo 21 punti in 14 giornate, poco. Ma mi aspetto molto di più.

LE FAVORITE GIRONE PER GIRONE

A questo punto della stagione, esattamente a metà, ecco chi potrebbe arrivare alla vittoria finale. È solo un gioco, forse, ma vediamo chi alla fine dell’anno avrà raggiunto davvero la vittoria finale.

Eccellenza - Girone A - Previsione Vittoria: Busto 81

Promozione - Girone F - Previsione Vittoria: Varzi

Prima Categoria - Girone N - Previsione Vittoria: Settimo Milanese

Seconda Categoria - Girone S - Previsione Vittoria: Rozzano Calcio

Terza Categoria - Girone C - Previsione Vittoria: Idrostar

Leggi tutte le notizie su "Corsico"
Edizione digitale

Autore:fag

Pubblicato il: 12 Gennaio 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.