(IN) Netweek

CORSICO

Alleanze e scontri a pochi mesi dal voto

Share

A pochi mesi dalle elezioni amministrative, è iniziata la corsa per scegliere i candidati. C’è chi ha già deciso, come la lista “Rossa e solidale”, formata da Rifondazione comunista e Collettivo controvento, che sarà guidata da Mara Ghidorzi. E come “Corsico in Comune – MariaCarla 2020”, con MariaCarla Rossi che aspira a diventare sindaca.

Primarie centrosinistra

il 16 febbraio

C’è invece chi, sempre a sinistra, considera le primarie come la strada migliore per individuare chi potrà puntare alla carica di primo cittadino. E così il 16 febbraio i corsichesi saranno chiamati a scegliere tra i due nomi proposti dalla “Alleanza per Corsico” (PD e Insieme per Corsico), Roberto Masiero e Stefano Ventura.

Il Movimento 5 Stelle

Si conoscerà all’ultimo, come spesso avviene, il nome di chi rappresenterà il Movimento 5 Stelle.

E nel centro destra?

Fratelli d’Italia, al di là di qualche rancore personale, e la Lega appaiono allineati, forse con il sostegno di una o più liste civiche. Rimane l’incognita Forza Italia che, ridotta al lumicino nei sondaggi nazionali, continua a litigare anche a Corsico dove la sezione è stata nuovamente commissariata dopo il ricorso presentato dall’esponente azzurro Giacomo Di Capua.

Forza Italia Corsico resta commissariata

L’ex consigliere e assessore si era rivolto al Collegio dei probiviri della Lombardia ritenendo irregolare il congresso convocato il 24 novembre scorso, durante il quale sono stati eletti il nuovo coordinatore cittadino e i membri del relativo comitato.

“Ho precisato ai Probiviri – sottolinea Di Capua – che il Congresso comunale era avvenuto in contrasto con il ‘Regolamento per lo svolgimento dei Congressi comunali’ in quanto non calendarizzato con il Commissario provinciale, non concordato con il settore organizzazione del coordinamento nazionale, non convocato nei tempi previsti e senza l’indicazione del numero di firme necessarie per la presentazione delle candidature. Quest’ultima mancanza costituisce violazione di una norma posta a tutela e garanzia dello svolgimento democratico della vita associativa e degli organi del Movimento. Simile omissione – prosegue l’esponente azzurro – sostituita da una generica riproposizione della norma regolamentare che prevede il 20% degli iscritti non indicando l’esatto numero dei sottoscrittori necessari alla presentazione di una lista, avrebbe potuto non far ammettere la lista per mancanza di elementi certi e necessari”.

Accolto il ricorso di Di Capua

Una richiesta di intervento che ha portato Laura Girard, Laura Ardito, Andrea Orsini, Antonio Marelli ed Emilio Palladini a ritenere fondate le motivazioni di Giacomo Di Capua accogliendone il ricorso “e conseguentemente – scrivono i probiviri – di dichiarare nulla la convocazione dell’assemblea, nulle le deliberazioni assunte in tale sede, compresa l’elezione del coordinatore comunale (Roberto Mei) e di tutti i membri del Comitato comunale”. A fine mese si conosceranno le motivazioni. Però i componenti del direttivo locale non ci stanno e hanno già annunciato un contro-ricorso. Il Commissario provinciale Graziano Musella ha intanto comunicato a Vito Bellomo di “continuare a ricoprire l’incarico di commissario di Forza Italia per il comune di Corsico”.

Leggi tutte le notizie su "Corsico"
Edizione digitale

Autore:dad

Pubblicato il: 17 Gennaio 2020

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.